Collaboratori entusiasti come forza trainante

Il successo del Gruppo Aduno si fonda su una cultura aziendale che vede i collaboratori come chiave del successo e della crescita. Stima i collaboratori con tutte le loro capacità e possibilità. E li aiuta a sviluppare il proprio potenziale in un clima di lavoro sereno. Il Gruppo Aduno vuole essere per i collaboratori attuali e futuri un indirizzo di prima scelta in Svizzera. Offre un ambiente avvincente, con prodotti innovativi, processi interdisciplinari, opportunità di formazione e perfezionamento, modelli salariali interessanti e abbondante spazio per l’iniziativa personale.

Nel Gruppo Aduno i manager sono valutati dai loro collaboratori e un istituto indipendente rileva la soddisfazione degli oltre 800 collaboratori. I potenziali di miglioramento vengono identificati e messi in pratica e i lati forti vengono potenziati.

La gestione delle generazioni

I feedback parlano da soli: il Gruppo Aduno non sa cosa sia il problema generazionale. Nell’azienda i collaboratori anziani si sentono a proprio agio al pari dei colleghi più giovani. La combinazione di esperienza pluriennale e giovanile dinamismo può dare ottimi frutti, se le persone coinvolte si stimano a vicenda. Pertanto non è un caso che l’anno scorso siano stati assunti nuovi collaboratori che saranno pensionati fra meno di dieci anni.

Uno studio commissionato dal Gruppo Aduno sulle generazioni Baby Boomer, X e Y serve di base per nuovi campi operativi nella gestione delle risorse umane. Grande importanza viene attribuita allo scambio intergenerazionale di esperienze e know-how. Da una parte si tratta di conservare conoscenze preziose, dall’altra questo favorisce la comprensione reciproca fra i collaboratori. I Business Analytics Services, che lavorano nel Corporate Center, stanno sviluppando processi per garantire un trasferimento sostenibile
di conoscenze e uno skill management funzionante.

Nel cockpit manageriale

Per il Gruppo Aduno una buona conduzione dei collaboratori è molto importante. I manager non sono responsabili soltanto del raggiungimento degli obiettivi, ma anche del benessere del team. Seguono e assistono i collaboratori nel loro lavoro, tanto per le questioni tecniche che per quelle emotive, in caso di stress o conflitti. Un manager che voglia essere di sostegno ai collaboratori ha bisogno di molto tempo e molta diligenza. Il Gruppo Aduno promuove questo compito impegnativo con il cosiddetto «cockpit manageriale», un tool che attraverso varie funzioni non solo facilita i compiti manageriali complessi, ma garantisce anche un’equa valorizzazione dei collaboratori.

Verso il mondo del lavoro digitale

Per il reclutamento di nuovi collaboratori il Gruppo Aduno punta anche sui social network. Con raffinati algoritmi ci si rivolge in modo mirato ai potenziali collaboratori. Inoltre la digitalizzazione consente di svolgere il proprio lavoro in molti posti e con orari flessibili. Questo fa diventare sempre più fluidi i confini fra mondo del lavoro e vita privata. Pertanto il Gruppo Aduno sviluppa già oggi modelli di lavoro digitale per domani e dopodomani. In primo piano non ci sono più i processi o i singoli collaboratori, ma l’ambiente lavorativo, in cui i collaboratori possono svilupparsi come
network.